Home
Banner
Click sulla locandina per scaricare la modulistica per iscrizione e regolamento......


Ha avuto luogo, nella mattinata di giovedì, presso la Sala delle Riunione dil Palazzo Pantaleo, la conferenza stampa di presentazione del Primo Open 'Città di Taranto', torneo di tennistavolo voluto dal Comune di Taranto, che, dal 17 dal 19 di aprile, vedrà per impegnate le eccellenze pongistiche italiane nonchè tesserati dell'ITTF (International Table Tennis Federation), in concomitanza con le celebrazione dei riti della Settimana Santa in città.

Nel corso della medesima, è intervenuto l' Assessore allo Sport del Comune di Taranto,  Gionatan Scasciamacchia, per il quale “il torneo in questione rappresenta valida opportunità per promuovere l'immagine di Taranto, attraverso il connubio tra sport e turismo”. Presenti, altresì, Giuseppe Grassi, Presidente del Circolo Tennistavolo Taranto, società che collabora all'organizzazione di detta manifestazione, il dott. Massimo Occhinegro, export manager dell' Oleificio Pantaleo, main sponsor della manifestazione, e il dott. Nicola Graniglia, Presidente della Sezione Provinciale del CONI di Taranto.

A moderare l'incontro, il giornalista Gianni Sebastio di Studio 100 Tv, media partner dell'evento.

Non soltanto sport, dunque, come punto focale della 'quaestio'. Bensì, anche valorizzazione del territorio e delle sue risorse, mediante anche un'oculata attività di marketing. In questo senso, da segnalare l'intensa attività di Angela Ciracì, che, in cooperazione con la Anius Marketin' Strategies di Taranto, ha curato nei minimi dettagli la macchina organizzatrice dell'evento.

 

La compagine rossoblu, al cospetto del Piscopio Vibo Valentia, rimedia la seconda sconfitta di fila

Metteteci un litro di giornata storta, un'abbondante porzione di avversario in buona forma, una dose di sfortuna e il gioco è fatto. Sonogli ingredienti del pasticciotto di produzione Legea, che rimedia il secondo k.o. di fila, questa volta ad opera del Piscopio Vibo Valentia, bissando il medesimo risultato dell'andata: 5-3. Il canovaccio, del resto, non si distacca molto da quello interpretato in terra calabra.

Leggi tutto...

 
1 novembre 2013 alle ore 10.07

Lo scorso aprile terminò 5-2 in favore dei baresi, i quali staccarono così il biglietto d'accesso alla B2. Domani, ne siamo certi, sarà tutta un'altra storia.

Il 'derby' tra Taranto e Molfetta gode ormai del sigillo di 'classica', dacchè ogni anno le due compagini si incrociano per darsi battaglia. In via Viola, benchè consci della grossa valenza di tale impegno, pressione ed ansia sono aborrite; anzi, un forte vento di calma olimpica spira tra i tavoli della palestra ed accarezza le racchette dei pongisti ionici, allontanando ogni preoccupazione.

Al cospetto della Legea, una squadra a pari merito in graduatoria, reduce dalla brillante 'performance' in Irpinia (con un roboante 5-1 sull'Ariano) e sfortunata nel 4-5 rifilatole dal quotato Vibo Valentia all'esordio. Un'autentica macchina segnapunti, grazie a Paolo Incardona, numero 128 ed uno tra gli ambasciatori del tennistavolo pugliese. Ancora, l'atleta (riferendoci al sostantivo di genere femminile), Rossella Scardigno, nazionale italiana femminile nonchè tredicesima nel ranking di suo competenza, il cui garbo, tipico del gentil sesso, va a farsi benedire dinnanzi ad avversari di sesso opposto: terminate le gare, 'charme' e dolcezza ritornano in lei. Infine, un occhio di riguardo per Antonio De Bari, classe '88 (e numero 390) e pongista tra i più interessanti del panorama regionale.

Start, dunque, alle ore 16 di sabato 2 novembre. La dirigenza tarantina invita tutta la cittadinanza a recarsi presso la struttura sita di fronte alla sede della Croce Rossa Italiana ed a tifare a gran voce per i propri ragazzi.

 

Aldo Simonetti

Addetto Stampa A.S.D. C.T.T. Taranto

 

 

 

 

2 novembre 2013 alle ore 23.31

In campo ben tre generazioni: un classe '47, un atleta di 45 anni e due quindicenni. Chi è cresciuto con Celentano, chi con gli Spandau Ballet, chi con i Modà. Ma sul tavolo da gioco, si denota come i quatro pongisti siano cresciuti con la musica universale del tennistavolo, la medesima. Ad impreziosire un pomeriggio di sport, la presenza nel pubblico di Leonardo Scardigno, consigliere nazionale (nonché ex vice-presidente della Federazione), che, dall'alto della sua esperienza, dispensa utili suggerimenti alla truppa giunta da Molfetta. Dalla panca, invece, mister Gambacorta dà le giuste dritte ai suoi ragazzi, tradendo un pizzico di emozione per un match sentitissimo e la cui visione è sconsigliata ai deboli di cuore.

Ed è il momento di passare alla cronaca. Il primo incontro vede impegnato proprio il tecnico-giocatore ionico, che s'impone sulla Scardigno con un perentorio 3-0. Taranto in vantaggio. Nel secondo confronto, i baresi agguantano il pari con Incardona, che regola per 3-1 un comunque volitivo Cascella. Nel terzo, uno strepitoso Piaccione porta nuovamente in vantaggio la compagine dei due Mari, sbarazzandosi di De Bari con un netto 3-0. E' poi il momento della Sfida. Sì, quella per eccellenza. I due Sceriffi di Puglia, Gambacorta ed Incardona, impugnano le rispettive racchette per fronteggiarsi a colpi di palline. I primi due spari, con tanto di centro, sono del Saverio rossoblu: 2-0. Il capitano ospite non ci sta e risponde per le rime. Pari. Mettete poi la colonna sonora del colossal di Sergio leone, 'Per un pugno di dollari' e fatene da sottofondo al set finale; ad avere la meglio è il padrone di casa, che spalanca un'autostrada alla vittoria finale. Al volante, appena dopo, c' è Piaccione, che contro la Scardigno (sconfitta per 3-1) sfodera una tecnica sopraffina e fa impazzire il pallottoliere: 4-1 e match-point per Marossi. Il giovanotto 66enne, dal passato illustre in A, manda al diavolo l'anagrafe e dà grattacapi continui all'avversario di turno, De Bari, che, tuttavia, strapperà un 3-2 al veterano tarantino. Ad ogni modo, 'standing ovation' per il piccolo grande Tonino. Le chiavi della gara sono affidate al solito Piaccione, che non sbaglia: la sua impertinenza è fatale all'esperto Incardona (nonostante la 128esima posizione di questi nel ranking nazionale), che cede per 3-1.

Con questo successo, la Legea rende così inviolabile la Palestra di via Viola, mettendo ulteriore fieno in cascina per il futuro.

 

Aldo Simonetti

Addetto Stampa A.S.D. C.T.T. Taranto

 

 

31 ottobre 2013 alle ore 23.38

 Classifica aggiornata al 31/10/2013

 

                                                   POSIZIONE                       PUNTI                  CATEGORIA

 

Saverio Gambacorta                          278                                 8540                            3^

 

Alessandro Piaccione                         385                                 7936                            4^

 

Massimiliano Cascella                        743                                 6674                             4^

 

Francesco Varvaglione                       848                                 6250                             4^